Il Comitato Promotore dell'Associazione Artisti ed Amici dell'Arte nacque, su iniziativa d'Italo Brizzi il giorno 8 Maggio 1988, lo stesso che l'anno 1996 raccolse personalmente l'adesione di 54 soci fondatori, che fu poi presidente tre anni, quindi presidente onorario. Lo Statuto fu approvato dall'Assemblea Costituente il giorno 21 dicembre 1996. Scopo dell'Associazione è l'incentivazione delle capacità artistiche di ciascuno, dei rapporti interpersonali, dell'arte in genere e della fruizione dell'arte, con particolare riguardo per la pittura e la scultura.
Per notizie particolareggiate rivolgersi all'attuale presidente
Sig.ra Laetitia Bianchedi
Via Marconi, 8/1, Loiano
Tel. 051. 654.56.76
E-mail : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
oppure al vice presidente
Sig.ra maestra Lucia Pucci
Via del Biancospino ,4, Loiano
Tel. 051- 654.52.88
oppure a Italo Brizzi
Loiano, Via Roma, 8/1
Tel. 051. 654.52.18
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
oppure alla Biblioteca Comunale o alla Pro Loco.

Questo l'elenco dei soci promotori:

RAFFAELE BARTOLI Pittore
Raffaele Bartoli vive ed opera a Trasasso (Monzuno) in via Pascoli 9. Ha frequentato l’istituto d’arte di Bologna, ha avuto come maestro Carlo Caporale, ha esposto in numerose gallerie sia all’estero che in Italia.
...e si dice: vai e spara.
tu dici: No!
allora sei un disertore.
Ma non è male, anzi,
perchè son come te
con il sangue, la parola, le paure
la sua mamma, i suoi amici.
E si dice: No!
spara tu, spara a me
tanto è uguale.

ITALO BRIZZI
Italo Brizzi nasce a Vergato, BO, il 12 Dicembre 1925, si diploma nel Maggio del 1943 presso l'Istituto Magistrale Laura Bassi di Bologna.
Scrive e pubblica articoli, racconti ed un libro sulle esperienze del periodo 1943- 1945.
Disegna a matita ed a inchiostro volti di persone, fiori, case, paesaggi.
Fin da ragazzo lavora la creta, il legno, il ferro. Modellava figure, fabbricava polvere nera e costruiva fucili ad avancarica per sparare, prevalentemente, ghiande.
Successivamente e fino ad ora produce con la creta ritratti tridimensionali ma anche in basso rilievo.
Nel 1988 raduna alcuni amici artisti e con essi dà vita al Comitato Promotore che sfocerà nella Associazione Artisti ed Amici dell'Arte in Loiano e ne diviene presidente.
Attualmente presidente onorario sempre della stessa Associazione.
Ha partecipato a mostre presso:

il Circolo Artistico di Bologna.
i comuni di Bazzano, Loiano, Monzuno, Pianoro, Monghidoro, San Lazzaro di Savena, Vergato.
i mercatini di Santa Lucia in Loiano.
nelle vetrine di negozi, bar e ristoranti in Loiano, Quinzano, Monzuno, Vergato.

Sue opere sono conservate a domicilio e presso privati; altre sono state da lui donate ad Istituti o religiosi impegnati nel sociale.
Un cippo, ottenuto saldando tante bacchette di ferro, rappresentante una quercia troncata, posto a Cavacchio di Vergato su una piattaforma eretta nel 1984 a ricordo di una strage.
Pesa, il cippo, circa 50 chilogrammi.Vive e lavora, lui, in Loiano, via Roma 8/1.

Preferisce la gallina domani all'uovo di oggi.

CARLO CAPORALE
Pittore acquarellista incisore; pittore della realtà e dell’impegno. Dalla sapienza del segno incisorio si ha la conferma di influenze illustri:il contatto,negli anni dell’Accademia con il maestro bolognese Giorgio Morandi. Iniziano vari periodi espressivi, il primo è quello legato alla interiorità dell’artista, che lui stesso definisce delle “favole”. Il periodo dei temi storici con importanti acquaforti, il racconto da parte dell’artista Caporale del rapporto con la città ic cui vive ed opera:quella Bologna che ci propone in ritratti della memoria autentici e rasserenanti. Gli ultimi acquerelli, delicati e luminosi come sempre, che conferisce loro il fascino struggente del sogno di una realtà densa di ricordi che coglie l’intimo segreto delle cose. Carlo Caporale vive e lavora a San Benedetto val di Sambro (BO).

LORENA MAESTRAMI

GIAMPAOLO MORINI
Morini Giampaolo nasce a Imola nel 1940. Negli anni 60 si trasferisce a Bologna, ove studia all'Istituto d'Arte, poi ai corsi liberi di pittura dell'Accademia di belle arti con il Maestro Pompiglio Mandelli, con Carlo Leoni per l'incisione
dell'acqua forte, nello stesso periodo frequenta lo studio di Ilario Rossi e GIovanni Ciangottini.
Negli anni successivi svolge attività di incisore acquafortista (sue cartelle di acqueforti del ciclo
"immagini e forme") fu presentato dalla Sala per il Centro Arte e Ricerca 1969.
Partecipa al premio Europa Giovani Ostende 1969
Sue opere di pittura sono esposte al castello sforzesco, sala da Balla, Milano.
I suoi lavori si trovano in raccolte pubbliche e private.
Con il poeta Rafael Albertiha curato l'illustrazione del libro di poesie "Disprezzo e Meraviglia", con una serie di acqueforti
Altrettanto dicasi per opuscoli, riviste e locandine.
Attualmente presiede il gruppo di artisti ed amici dell'arte di Loiano.

ALFREDO SAISI
Nato a Codigoro, (Ferrara) il 30 Marzo 1951 residente a Loiano, Via Simiani, 1 - (Bologna).
Compie i primi sudi artistici all'Istituto d'Arte di Carrara, conseguendo il diploma di Scultore nel 1970.
Si iscrive poi al Magistero dell'Arte di Firenze,guadagnando il diploma di Maestro d'Arte dell'anno 1974.

Notazioni critiche di Maurizio Mastellari:
inquietudine interiore, l'ansia della vita che propone enigmi facilissimi ed insolubili lo hanno subito portato verso il surrealismo e la metafisica.
I suoi quadri, così come le sue sculture, sono popolati di stimoli: i simboli dell'inconscio, immagini di paure soffocate a stento che si affollano e tentano di affiorare, generando angoscia.
E queste figure a volte ripugnanti, a volte ossessive, collocate in spazi vuoti e in un tempo immobile, riferiscono dell'identità spezzata dell'uomo.
Dell'uomo Saisi, come lui vorrebbe farci credere, della condizione umana, diciamo noi, avendo così la presunzione di rintracciare il senso della sua arte.

VOLTA ORIANO
Volta Oriano nasce a Bologna il 2 Agosto 1934.
E' uno di quelli della Beverara e tale resta fino all'età di 26 anni.
Evidenzia sin da bambino una grande passione per l'arte del manufatto.
Nei pressi della sua abitazione, alla Beverara, sorgevano parecchie fornaci di laterizi (Fornace Galotti) e, grazie ad un amichetto, figlio del direttore, aveva accesso all'interno, per godersi da neofita la tecnica e la manipolazione della creta, l'uso degli stampi per la riproduzione degli ornati architettonici ad uso restauro di antiche dimore.
Conosce nello stesso periodo un vasaio abilissimo, che lo avvia alla conoscenza dell'uso del tornio, della materia creta e dell'Arte della cottura.
Nella stessa bottega tuttora porta a cuocere le sue opere.
Come tecnico dell'Osservatorio astronomico dell'Università di Bologna, Volta Oriano ha saputo sfruttare questa sua esperienza nella progettazione in sinergia con lo staff dei ricercatori universitari, attuando nei particolari, disegni degli strumenti relativi alla ricerca astronomica.
Questi disegni sono stati poi pubblicati in riviste specializzate.
Trasferito a Loiano, presso l'omonimo osservatorio, ha continuato a coltivare la passione per la scultura passando al legno nelle varie essenze locali.
Fra i suoi lavori primeggiano opere a carattere religioso.
E' uno dei fondatori dell'associazione Artisti ed Amici dell'Arte di Loiano.

Ha partecipato a diverse mostre:

  • Iterarte a Bologna.
  • Sala Expo del comune di Pianoro.
  • Rocca di Bazzano BO.
  • Sala Expo Palazzo Comunale di Loiano.
  • Scultori di AAA, Sala Expo A. Fantazzini c/o Banca Credito Cooperativo sede di Loiano.

Vive e lavora in Loiano, viale Marconi, 38.

 

Informazioni aggiuntive