Dopo due anni dalla disastrosa nevicata del 2015, nei giorni scorsi si è ripetuta la stessa emergenza. I lavori di miglioramento delle linee elettriche non sono stati eseguiti, come ENEL aveva invece assicurato e le conseguenze sono purtroppo state inevitabili. Tuttavia, dove gli interventi sono stati realizzati, una differenza si è notata. Per esempio a Scascoli ed all’Anconella è stato rifatto l’elettrodotto nel 2015 ed in effetti, appena è stata riallacciata la dorsale, quella zona è stata la prima ad avere corrente. Sembra anche che nulla sia stato fatto nemmeno per la fornitura elettrica delle pompe dell’acqua che garantiscono l’erogazione al Comune di Loiano e quelli limitrofii, infatti l'acqua è mancata per due giorni anche questa volta. L’energia elettrica a Loiano è mancata completamente nell’intero territorio dal lunedì pomeriggio al martedì pomeriggio ed in alcune zone fino a ieri. Solamente alle 13.15 di martedì è stato allacciato un generatore che ha alimentato il palazzo comunale ed una parte del centro del paese, permettendo il funzionamento dei telefoni ed Internet. Successivamente la corrente è tornata a Scascoli attorno alle 14.00 e così via come indicato nei precedenti comunicati. Anche per quel che riguarda  i ripetitori dei gestori telefonici non è cambiato nulla rispetto a due anni fa, solamente pochi funzionavano, impedendo anche le comunicazioni. In sostanza non è cambiato nulla rispetto al 2015.
 
Nel gestire questa emergenza è stato di assoluta importanza l’ospedale di Loiano. L'Amministrazione comunale desidera ringraziare tutto il personale, il 118 e la dirigenza dell’AUSL, con i quali il contatto è stato continuo. L’ospedale ha dato conforto a molti cittadini soprattutto anziani, arrivati anche dai comuni limitrofi, in quanto era unico luogo dove erano presenti corrente elettrica, riscaldamento ed acqua.
 
I volontari del gruppo comunale di protezione civile di Loiano si sono messi immediatamente a disposizione e oltre ad aiutare nella rimozione degli alberi caduti, continuamente hanno percorso l’intero territorio per verificare i bisogni, dare supporto, portare cibo ed acqua assieme ai Carabinieri, Polizia Municipale e cantonieri.
 
L'Amministrazione ringrazia anche tutti i dipendenti comunali,  i volontari dei vigili del fuoco di Monghidoro, le guardie ecologiche volontarie, il soccorso alpino, la Croce Rossa, gli operatori di pronto intervento di ENEL e di HERA che erano sul posto, le ditte affidatarie del servizio rimozione neve che spesso si sono adoperate per rimuovere e tagliare alberi al fine di liberare le strade. I ringraziamenti vanno anche al Prefetto, al Vice Prefetto ed tutti i cittadini che si sono prestati.
  
Come già annunciato, le Amministrazioni locali si stanno organizzando per presentare tutte assieme un esposto alla Procura della Repubblica, poiché non è accettabile subire danni e disagi di questa portata in territori già fragili come i nostri.

Informazioni aggiuntive